blog.categories.trip-and-adviceHistory, art and culture
Jessica.Maggi

Aneddoti su Picasso che ne hanno fatto una leggenda

Icona assoluta per l’arte e la cultura mondiale, Pablo Picasso ha segnato il XX secolo come pochi altri. Spirito geniale e vulcanico, carismatico e ribelle, il maestro andaluso ha sovvertito la pittura del suo tempo, diventando un riferimento ineludibile per l’intera galassia delle avanguardie novecentesche. La sua lunga vita, 91 anni, è una fonte inesauribile di bizzarrie e stravaganze. Dalla passione per la corrida alla maledizione che sembra aver colpito le tante donne della sua vita, scopri gli aneddoti su Picasso che hanno contribuito a farne un mito.

Nome chilometrico

Ai sensi della legge del doppio cognome vigente in Spagna, a Pablo Picasso toccò in sorte una lunga costellazione di nomi, a cui ne furono aggiunte altre mestolate in onore di santi e congiunti vari. Prenditi mezza giornata di ferie perché qui si va per le lunghe. Orbene, il nome completo è Pablo Diego José Francisco de Paula Juan Nepomuceno María de los Remedios Cipriano de la Santísima Trinidad Martyr Patricio Clito Ruíz y Picasso.

Sembrava che fosse nato morto

Baby Picasso venne al mondo in silenzio, tanto che la levatrice era sul punto di dichiararne la morte in utero. Si destò e iniziò a emettere flebili vagiti solo quando lo zio Salvador, medico, gli soffiò sul viso uno sbuffo di fumo del sigaro che si era acceso nel tentativo di rianimarlo. Quel pianto fu il segnale che non era finita, Pablo si salvò e con esso un patrimonio di inestimabili capolavori che hanno rivoluzionato la storia dell’arte. Rendiamo grazie a zio Salvador e al suo provvidenziale cigarro!

La prima parola fu lápiz

Fin da subito Picasso mostrò di avere un innato talento artistico. Sembrerebbe addirittura che le sue prime parole non furono mamma o papà, ma piz, abbreviazione di lápiz, matita in italiano.

Sulle orme del padre

Picasso nacque a Malaga, nel sud della Spagna, in una famiglia benestante. Suo padre, Don José Ruiz y Blasco, era a sua volta un pittore, nonché insegnante di disegno alla Escuela Provincial de Bellas Artes e conservatore del museo di Malaga. Fu proprio su papito a valorizzare l’innato talento artistico di Pablo, introducendolo all'esercizio della pittura e assicurandosi che ricevesse una solida formazione accademica classica.

Origini italiane

Sapevi che Picasso è un cognome tipicamente ligure? Belandi! Dell’area del genovese e della riviera di levante nello specifico. La madre del genio andaluso, Maria Picasso y López de Oñate, era un’energica donna di famiglia argentina di origini genovesi. Si stima che i parenti di Picasso dal lato materno fossero originari di Avegno, un pittoresco paesino vicino a Sori, in provincia di Genova, a metà strada tra Recco e Nervi.

Enfant prodige

Pablo Picasso realizzò il suo primo olio su tela, El picador amarillo, alla tenera età di 8 anni. La sua prima mostra, invece, venne allestita nel 1895. Le sue creazioni furono esposte in uno stabilimento in Calle Real a La Coruña, in Galizia, quando aveva appena 13 anni e frequentava l’accademia di belle arti della Llotja a Barcellona.

Prematura, tragica perdita del migliore amico

Uno degli eventi che più profondamente segnarono la vita di Pablo Picasso risale ai primi del Novecento. Si tratta del suicidio del suo grande amico ritrattista, il pittore e poeta Carlos Casagemas, con cui collaborò assiduamente prima Barcellona e poi a Parigi. L’improvvisa perdita dell’amico fu un colpo talmente duro per l'artista, ai tempi ventenne, da creare un confine netto tra un prima e un dopo. Proprio da quel tragico evento ebbe inizio la sua fase artistica che fu poi definita periodo blu, con opere cupe, atmosfere oscure e temi difficili, come la solitudine, la povertà e l’emarginazione.

Arresto con l’accusa di furto della Gioconda

Il 21 agosto del 1911 la Monna Lisa, celeberrimo dipinto di Leonardo Da Vinci di inizio Cinquecento, scomparve misteriosamente dal Musée du Louvre. Oh là là. Sospettati di furto, Picasso e l’amico scrittore Guillaume Apollinaire finirono in manette. Dopo qualche interrogatorio i due vennero rilasciati con nessuna conseguenza. A sottrarre la Gioconda fu, in realtà, un operaio varesotto di nome Vincenzo Pietro Peruggia.

Avete fatto voi questo orrore, maestro? No, è opera vostra

Il 26 aprile 1937 gli aerei tedeschi, in appoggio alle truppe del generale Francisco Franco, bombardarono la cittadina basca di Guernica. La truculenta strage fu immortalata nell’omonimo grande capolavoro di Pablo Picasso, divenuto emblema del rifiuto della guerra, della difesa dei diritti umani e della denuncia contro le orribili conseguenze che ogni genere di conflitto può procurare all’umanità. Poco tempo dopo, Picasso incontrò a Parigi l’ambasciatore tedesco Otto Abetz e alcuni soldati nazisti, che, si dice, gli domandarono “Avete fatto voi questo orrore, maestro?”, osservando una riproduzione dell’opera. La risposta dell’artista fu perentoria: "No, è opera vostra".

Abile seduttore

Due matrimoni, quattro figli da tre donne diverse, plotoni di amanti di ogni nazionalità, rango e professione. Insomma, uno sbottonar di patte senza soluzione di continuità. Molto è stato detto e scritto sull’oscuro rapporto di Picasso con le donne, che dalle relazioni con lui ne uscivano così distrutte che si parla ancora di una sorta di nefasta maledizione. Ebbene, la ballerina ucraina Olga Khokhlova, sua prima moglie, morì di tumore. La modella Eva Gouel morì di tubercolosi. La giovane Marie-Thérèse Walter rischiò di annegare nel fiume Marne e successivamente si impiccò. La ceramista Jacqueline Roque, sua seconda moglie, si sparò un colpo di pistola in testa. La fotografa Dora Maar non si riprese mai dalla profonda depressione in cui sprofondò dopo la rottura con l'artista.

Una vera, profonda, carnale passione per il flamenco e la tauromachia

Nativo di Malaga, splendida città dell’Andalusia, Picasso amava la forza, i ritmi incalzanti e la bellezza dura, passionale e al contempo delicata del flamenco andaluso. L’artista aveva una speciale predilezione anche per la corrida, una delle tradizioni spagnole più antiche e controverse. Tori, toreri e picadores sono, non a caso, tra i soggetti ricorrenti nelle sue creazioni.

Talento poliedrico

Noto prevalentemente per i suoi dipinti, Picasso fu anche, nell’ordine, scultore, ceramista, poeta, scrittore, scenografo e drammaturgo. Compose oltre 300 poesie, due commedie surrealiste e molte altre opere.

Menzione nel Guinness World Records

Picasso è entrato nel Guinness World Records con il titolo di pittore più prolifico di tutti i tempi, con, tieniti forte, 150.000 opere tra dipinti, disegni, incisioni, litografie, stampe, illustrazioni, sculture e ceramiche. Una sostanziosa porzione è esposta al Musée National Picasso, disponibile nel ventaglio di attrazioni a cui puoi accedere con i nostri pass. Ospitata nel sontuoso Hôtel Salé nel quartiere parigino di Le Marais, questa galleria d'arte comprende le principali opere provenienti dagli atelier del genio di Malaga.

Le sue ultime parole musicate da Paul McCartney

Le ultime parole di Pablo Picasso, pronunciate in occasione di una cena con amici il giorno prima della sua dipartita, furono “Bevete per me. Bevete per la mia salute. Sapete che non posso più bere». Paul McCartney le mise in musica e ne fece il ritornello di Picasso’s Last Words, pezzone pubblicato nell'album Band on the Run del 1973.

Visita il Musée Picasso di Parigi con Go City

Abbiamo ricordato gli aneddoti che maggiormente hanno contribuito a forgiare la leggenda del grande maestro spagnolo. È giunto il momento di visitare il Musée National Picasso di Parigi. Con i pass di Go City puoi accedere al museo e molte altre attrazioni della Ville Lumière a un prezzo conveniente.

Love this article? Why not share it:

Acquista in totale sicurezza

Cancellazione gratuita

Hai cambiato idea? Capita! Ti rimborsiamo tutti i pass non attivati entro 90 giorni dalla data di acquisto.

Scopri di piùChevron Icon

Hai qualche domanda?

Siamo a tua disposizione! Consulta le nostre domande frequenti o scrivi in chat a uno dei nostri agenti.

Consulta le nostre FAQChevron Icon

Ecco cosa dicono i clienti di The Paris Pass®

In regalo per te uno sconto del 5%!

Iscriviti alla nostra newsletter e riceverai sconti esclusivi, idee di viaggio e molto altro.